Immagine di copertina di Laboratorio trasformazione alimenti: quali macchinari scegliere
ATTREZZATURA PROFESSIONALEPROGETTAZIONE E ARREDAMENTO

Laboratorio trasformazione alimenti: quali macchinari scegliere

In Puglia la filiera agroalimentare ha un ruolo importante per l’economia e lo dimostrano i sette diversi “Distretti del Cibo” presenti in tutta la Regione. In questo scenario la progettazione e l’avvio di un laboratorio trasformazione alimenti può essere una scelta strategica per agricoltori o produttori di prodotti agroalimentari.

Come aprire un laboratorio agroalimentare?

Consulenza tecnica

Il primo passo per aprire un laboratorio agroalimentare è la definizione dei prodotti che si vogliono realizzare, il luogo in cui posizionare il laboratorio e dove effettuare la vendita dei prodotti. Successivamente si passa alla scelta delle attrezzature con l’aiuto e la consulenza tecnica di un’azienda esperta in macchinari per la trasformazione degli alimenti. In questa fase si parla dei prodotti che si intende realizzare in modo da definire le attrezzature, gli accessori e i macchinari necessari per la produzione. In base ai prodotti e alla dimensione degli spazi del laboratorio si affrontano insieme temi essenziali come la gestione dei flussi di lavoro, la definizione del budget e l’iter procedurale e le regolamentazioni da rispettare.

Realizzazione del progetto e approvazione di un laboratorio di trasformazione prodotti alimentari

Una volta definite le attrezzature professionali per la trasformazione si studia il loro posizionamento, generalmente il laboratorio di trasformazione agroalimentare viene suddiviso nelle seguenti aree:

  • l’area di stoccaggio / magazzino che in base ai prodotti e alle necessità può essere refrigerato o meno;
  • l’area di cernita, mondatura e lavaggio, dove le materie prime vengono pulite dalle foglie, dalle parti che non sono buone, il pesce o la carne vengono puliti prima di passare alla fase successiva;
  • eseguita la pulizia e la preparazione gli alimenti passano nell’area di cottura
  • i prodotti agroalimentari trasformati vengono confezionati nell’area dedicata
  • nell’ultimo passaggio gli alimenti vengono immagazzinati in un’area di stoccaggio vicino all’uscita per favorire la logistica e la vendita.

All’interno del laboratorio di trasformazione agroalimentare è importante evitare la contaminazione, per questo il progetto deve tener conto dei flussi di lavoro (da quando le materie prime entrano a quando il prodotto finito esce) e del flusso dei lavoratori, che dovranno accedere allo spogliatoio prima di entrare a contatto con gli alimenti. In più, l’impianto clima e di aspirazione deve essere idoneamente progettato per favorire la sicurezza degli operatori della trasformazione alimentare e ridurre al massimo l’emissione di odori e fumi.

La creazione del progetto definitivo è frutto di un lavoro di squadra in collaborazione con ingegneri e/o architetti che hanno un ruolo importante in questa fase. Il progetto realizzato e approvato dalle diverse figure professionali è utile per richiedere i permessi all’asl e procedere con una serie di autorizzazioni e certificazioni come la sicurezza degli impianti, il rispetto delle norme di sicurezza e i vari permessi per l’inizio dei lavori, come ad esempio la scia.

Nel frattempo, il prodotto agroalimentare trasformato viene inviato a laboratori qualificati che ne analizzano la shelf life (durata a scaffale o scadenza).

Realizzazione e collaudo

Una volta ricevute le autorizzazioni dagli enti preposti si possono avviare i lavori per la realizzazione di un laboratorio di trasformazione alimentare. Il tutto si conclude con il collaudo delle attrezzature, accessori e macchinari per la trasformazione.

Quali macchinari servono in un laboratorio trasformazione alimenti?

La scelta dei macchinari dipende dal tipo di prodotto che si vuole realizzare, in linea generale i macchinari disponibili per la realizzazione di una piccola o media impresa alimentare sono:

Pesce 

Macchine per la preparazione

Squamatrice, arricciatrice, banchi di eviscerazione

Macchine per taglio alimenti

Filettatrice, taglierina

Cottura 

Forno trivalente, cuocitore polivalente, brasiere industriale

Confezionamento

Sigillatrice semiautomatica, sigillatrice automatica vuoto, termosigillatrice a gas automatica

Recupero scarti e successive lavorazioni

Separatrice di polpa, linea speciale di panatura e pastellatura, impanatrice automatica

Refrigerazione e conservazione

Abbattitore di temperatura, surgelatore, cella frigo

Carne 

Taglio

Cutter da banco, cutter industriale, affettacarne, affettatrice automatica

Lavorazione

Tritacarne, insaccatrice, impastatrice per carne, pressa per carne, hamburgatrice industriale, formatrice di carne

Cottura

Forno trivalente, cuocitori polivalenti, forno a tunnel

Pastorizzazione

Autoclave orizzontale

Confezionamento

Bilancia multitesta con alimentazione a coclea, termoformatrice

Refrigerazione e conservazione

Abbattitore di temperatura, surgelatore, cella frigo

Ortofrutta 

Preparazione

Lavaverdure, lavatrice per verdure, centrifuga, tunnel di asciugatura

Taglio

cutter da tavolo, cutter industriale, taglierina, cubettatrice

Cottura

Forno trivalente multiuso, pentola ribaltabile, cuocitore, forno a tunnel

Confezionamento

Dosatore, tappatrice

Pastorizzazione

Autoclave orizzontale

Refrigerazione e conservazione

Abbattitore di temperatura, surgelatore, cella frigo

Se hai un’azienda agroalimentare, vuoi realizzare un nuovo progetto e aprire un laboratorio trasformazione alimenti con l’aiuto dei nostri tecnici puoi definire i macchinari necessari per la trasformazione e la produzione. Scrivici a matarrese@matarrese.it!

tags:
Trasformazione alimenti
Ti è piacuto l'articolo? Condividilo sui social

Se questo articolo ti è stato utile

Potrebbe piacerti anche uno di questi